3ª domenica di Avvento: la gioia

Questa domenica è dedicata alla gioia, come esorta S. Paolo nella seconda lettura:
“Fratelli siate sempre lieti nel Signore, ve lo ripeto siate lieti. La vostra amabilità sia nota a tutti. Il Signore è vicino”.

La statuina del suonatore di flauto del presepe è stata scelta come simbolo dell’esultanza nello spirito, perché ci ricorda che la nostra preghiera deve essere una musica, un’armonia di lode e di ringraziamento a Dio per il grande dono del suo Figlio che si è fatto uomo in mezzo a noi.

E allora intensifichiamo il nostro dialogo personale con Dio l’ascolto della sua parola, la meditazione silenziosa e partecipiamo, per quanto ci è possibile, anche ai momenti liturgici e comunitari come la Messa e la novena perché senza preghiera e senza intensità spirituale non è il Natale di Gesù.