DIARIES WRITERS: cosa vogliamo raccontare

L’incontro con i bambini e i ragazzi di Diaries Writers, il gruppo del laboratorio di comunicazione che si riunisce ogni martedì a Cometa, è servito a fissare i prossimi obiettivi.
Il primo argomento all’ordine del giorno è stato trovare uno pseudonimo a E., il nuovo entrato, che ha scelto di chiamarsi Cobolan 096. La decisione di offrire il suo contributo è maturata dopo avere letto l’articolo apparso sul sito “Una casa per crescere” dal titolo: Una corsa memorabile.

Abbiamo approfittato di questo momento per riassumere le modalità con cui faremo comunicazione e dividerci i compiti: c’è chi vuole specializzarsi nella scrittura come M. detta “Kim” (Kimberly), chi preferisce sfruttare l’audio come G.: “G.P. il poderoso” e chi sfruttare la potenza delle immagini.


Grazie a Cobolan 096 che vorrebbe attraverso il sito esprimersi e raccontare qualcosa di se stesso, tutti i partecipanti hanno espresso il loro pensiero.
D. Cuore desidera avere una rubrica “per non dimenticare le cose belle che facciamo insieme a Cometa. Oggi, per esempio, abbiamo disegnato ciò che ci piace del bosco.”

N., detto 5 N
, propone di recuperare la memoria delle cose fatte in passato a Cometa, in particolare ricorda uno spettacolo, inscenato un paio di anni fa da Sergio e Paolo: A Christmas Carol. “Ricordo quel momento come fossi stato al cinema ed è stato un modo fantastico per vivere l’atmosfera dei giorni che precedono Natale. Eravamo in tanti e non c’era nessun problema a stare tutti vicini.”

Dopo il momento di scambio e riflessione abbiamo accolto la richiesta di Riccardo che ci ha chiesto di raccontare i luoghi di Cometa. Un’occasione per realizzare un ricco reportage fotografico subito interrotto, però, dal maltempo. Si tratta solo di un rinvio e nel frattempo il gruppo ha fatto un primo elenco dei luoghi cari di Cometa: il pratone con tutto il carico di ricordi a base di giochi che si porta, il bosco, gli orti, il campo di calcio, i cortili, il sicomoro, la fontana, l’appartamentino, il locale comune, la mansarda, il bar e la stanza dove si studia per fare i primi esempi.

“Racconteremo noi stessi, ciò che facciamo e i luoghi di Cometa,” riassume C., detto “Ittonator” (DJ096).