È STATA UN’ESTATE SPLENDIDA

“È stata un’estate splendida,” scrive Ottaviano interpretando la sensazione degli educatori, dei bambini e di tutti coloro che hanno collaborato e reso possibile l’esperienza del Diurno estivo 2020. “Un’opportunità per stare con i nostri ragazzi con semplicità nuova. All’inizio avevamo mille paure: “cosa facciamo tutto il giorno con queste restrizioni? E la mascherina? Si annoieranno? Ce la faremo?” Domande che ci siamo posti senza trovare risposte precise, poi a un certo punto anche grazie alla formazione con Loredana Mercante ci siamo detti: “Cominciamo ad aspettarli, a stare con loro, a chiedere cosa gli andrebbe di fare,” e in un attimo l’estate è volata… tra le idee dei bambini e l’inventiva per metterle in atto in sicurezza.”

L’entusiasmo dei piccoli ha ridato nuova linfa agli adulti che si sono ricordati come passavano l’estate tanti anni fa, tra camminate nella natura, giochi, canti e anche sport, competitivo al punto giusto, assegnando coppe alle prime tre di tornei epici. E che risate la cerimonia di sanificazione delle coppe! Era più attesa della premiazione. Ripenso, quindi, all’avventura di d’Artagnan che non diventerà mai moschettiere. Un titolo di cui non è stato insignito, ma si è guardato dentro scoprendo di essere moschettiere nello spirito e nell’anima, di aver puntato in alto, lasciando che la spinta arrivasse dalla terra, dai piedi. LE MANI IN ALTO QUASI A TOCCARE IL CIELO E POI LA LUNA CON LE DITA DEI PIEDI.