Grandi domande: oltre le STELLE

“Cosa c’è dietro le stelle?” è uno tra i tanti e fantasiosi quesiti contenuti nel libro di Tomi Ungerer sulle domande imbarazzanti fatte dai bambini dal titolo: Perché io sono io e non sono te?
È un interrogativo che nasce da un’osservazione spontanea, da una curiosità in grado di stimolare un’interessante discussione.
L’autore risponde così:

Oltre a porre l’attenzione su questa domanda, si può leggere la risposta di Tomi Ungerer che ci fa viaggiare tra le stelle per riportarci subito sul concetto dell’infinito e della quantità incredibile di pianeti, galassie e universi in cui viaggia il nostro pianeta.

L’idea migliore, però, è fare rispondere i bambini stessi e poi confrontare le loro risposte con quelle dello scrittore. Spiegare a un bambino l’idea di infinito è difficile, anzi impossibile visto che è un concetto troppo grande anche per un adulto ed è molto più interessante cercare di vedere l’infinito nei propri occhi e in quelli degli altri, magari con un disegno e poi una spiegazione. E se poi l’infinito non fosse infinito e se non fosse fuori, ma dentro di noi?

Nemmeno i numeri, forse, sono infiniti perchè ad aggiungere una cifra dopo l’altra, prima o poi finisce la matita, lo spazio sul foglio e rischiamo di esaurire le scorte di carta, fare sparire tutte le foreste del mondo e di invecchiare senza arrivare mai a una conclusione.

Spiegare a un bambino il concetto di infinito non è semplice e ancora più difficile, a un adulto. Allora non resta che fare la domanda a un gruppo di bambini e rispondere insieme a loro restando poi ad ammirare la bellezza delle risposte.