Il pentolino di Antonino

L’inverno è alle porte, eppure l’autunno ha regalato ancora alcune giornate di sole e nell’ora più calda del pomeriggio un bambino di Cometa si è disteso sul pratone a leggere. Il libro in questione si intitola Il Pentolino di Antonino ed è stato scritto e illustrato da Isabelle Carrier.
Un momento di pace e lettura che regala a tutti noi l’istantanea di un momento di crescita e un ottimo consiglio di lettura.

Antonino è un bambino che, come annuncia con semplicità il titolo del libro, trascina sempre dietro di sé un pentolino. Purtroppo, nonostante le sue qualità, tutti vedono solo il pentolino e non comprendono come Antonino debba sforzarsi per fare le stesse cose che fanno gli altri bambini. Talvolta, in preda alla frustrazione, si arrabbia e reagisce piangendo o aggredendo gli altri e viene sgridato. Antonino vorrebbe sbarazzarsi del suo peso, ma non può: “il pentolino è lì e non c’è niente da fare”.

Decide allora di usarlo per nascondersi agli altri e diventare invisibile, pensando che così le cose saranno più semplici. Una soluzione triste e di fuga dalla realtà, finché Antonino non incontra una persona che gli fa vedere come anche lei si porti dietro il suo pentolino. La differenza è che il suo è solo più piccolo. Grazie a questo aiuto, Antonino impara a guardare il suo problema da una prospettiva diversa e impara come sia possibile convivere con il proprio pentolino e uscire a testa altra per giocare e stare con gli altri.